domenica , 24 Gennaio 2021

Castiglioncello, Pineta Marradi: Nessun parcheggio interrato, si ascoltino i cittadini

Non si muova niente senza il consenso preventivo dei cittadini, ecco la nostra soluzione alternativa al problema dei parcheggi che tuteli la Pineta Marradi ed eviti un inutile colata di cemento nel cuore di Castiglioncello

E’ di questi giorni la notizia che un raggruppamento temporaneo d’imprese ha presentato un progetto per la realizzazione del parcheggio interrato nella Pineta Marradi. Confermiamo la nostra contrarietà al progetto, che stavolta sembra essere di due piani sotto terra ma con sopra una piazza, pare quindi scomparsa la realizzazione del centro commerciale. Ma non ci fidiamo, vogliamo vederci chiaro e faremo immediatamente una richiesta d’atti. L’esperienza c’insegna che in questi casi (specialmente quando ci sono aziende non locali) ci si muove dopo preventivi contatti e successive rassicurazioni con l’ Amministrazione e/o con il Sindaco e che spesso si fanno studi di fattibilità e progetti ad hoc, che poi verranno modificati in seguito, pena minacce di lasciare i lavori incompiuti o di chiusura dell’attività per mancanza di adeguata resa economica.
Ci riferiamo alla piazza soprastante il parcheggio che potrebbe essere successivamente modificata con l’aggiunta di volumi edilizi commerciali o residenziali. I cittadini hanno le idee chiare sulla realizzazione del parcheggio, e le hanno manifestate più di una volta, nessun parcheggio, la Pineta Marradi è un polmone verde e un bene storico del nostro territorio, già compromesso dai tagli dei Pini e snaturata per le successive piantumazioni con piante di diversa natura. Una volta aperta la strada alla costruzione del parcheggio, non sarà più possibile tornare indietro, è bene che questo sia ben considerato da tutti.
Questo gruppo d’imprese che sembra provenire da Roma è lecito chiedersi per quale motivo si muovano, e se adotteranno i dovuti accorgimenti per tutelare la Pineta durante la realizzazione del progetto.
Abbiamo più volte prospettato una soluzione fattibile e concreta che non tocchi e distrugga la Pineta.  Se il problema è quello dei parcheggi, si può  facilmente risolvere razionalizzando gli spazi già presenti e agendo anche su un’ipotesi di circolazione alternativa a quella attuale. La nostra proposta è di  riconsiderare i doppi sensi della via Aurelia e di via dei Macchiaioli, quindi mettere il senso unico sulla via Aurelia direzione Livorno e altrettanto in via dei Macchiaioli, naturalmente direzione opposta.
Quest’ipotesi consentirebbe di liberare un lato della carreggiata per far parcheggiare le auto, concretizzando un’operazione a costo ed impatto zero, tranne che per una minima spesa per la segnaletica e che porterebbe nuovi parcheggi, stimabili in circa 400. Questa viabilità alternativa dovrebbe essere attivata tutto l’anno, soprattutto per far abituare i residenti alla nuova segnaletica.
Non va poi dimenticata la possibilità di sfruttare più efficacemente le zone adibite a parcheggio libero alle spianate, che l’amministrazione rende fruibili attivando un servizio bus navetta; il parcheggio ed il servizio bus navetta sono poco usati, un impegno maggiore sia per renderlo più utilizzabile con un maggior numero di corse, che per diffondere l’esistenza di tale servizio non potrebbe che potenziare l’efficacia della nostra proposta risolutiva della situazione parcheggi estivi a Castiglioncello.
Per la pineta Marradi, al posto del parcheggio seminterrato insistentemente voluto solo dall’amministrazione, ma un’invasiva ed inutile colata di cemento e ulteriore attrattore di traffico, auspichiamo una riqualificazione vera, che magari includa un nuovo arredo urbano, una rivalutazione delle sue potenzialità in un’ottica di turismo sostenibile, senza snaturarne l’immagine storica, da cui deriva quel fascino assoluto che assieme alla bellezza della natura rende la pineta Marradi un luogo di insostituibile attrazione. Infine, a tutti coloro che sostengono ci si debba staccare dal passato di Castiglioncello, dalla sua storia, da ciò che ha rappresentato, per andare verso un’idea moderna della frazione, noi ribadiamo al contrario che è da una rivalutazione del passato che possiamo renderlo ancora più attuale, il fascino di Castiglioncello non deve essere deturpato ma esteso, la sua storia, la sua tradizione è l’elemento e la forza su cui basare la rinascita che gli spetta.
Concludendo, se non bastano le numerose opinioni contrarie espresse fin qui a qualsiasi costruzione di parcheggi nel cuore della Pineta, faremo fin da adesso un adeguata informazione scendendo in mezzo ai cittadini per raccontare tutti i retroscena di un progetto voluto, spinto e portato avanti soltanto dall’amministrazione comunale, cieca e sorda a tutti i segnali di un fallimento preventivato, a partire dalle inesistenti manifestazioni d’interesse ai posti auto più volte avute in risposta alle richieste fatte. E ci batteremo affinché niente possa essere deciso senza il consenso vero dei cittadini, impiegando tutte le nostre energie per far sì che essi siano veramente informati. Abbiamo visto come l’amministrazione “informa” i cittadini, stavolta lo faremo noi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abbiamo a cuore la tua Privacy. Questo sito o gli strumenti terzi da questo sito utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ho preso visione dell'Informativa estesa (Cookie Policy) e della Privacy Policy, continuando a navigare acconsento all'uso dei cookie. Maggiori informazioni (Privacy Policy ai sensi del GDPR – Regolamento UE 2016/679)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi