martedì , 9 Agosto 2022

Sui furti nelle Scuole….

Pubblichiamo il testo di una email inviata da un genitore sui furti che sono avvenuti nelle scuole, di cui oggi ha dato notizia la stampa…
L’abbiamo letta adesso, non possiamo non notare la preoccupazione che traspare dalle parole contenute in questa lettera, preoccupazioni che ci sentiamo di condividere.. Davvero non si è provveduto a riparare il vetro rotto in seguito all’intrusione nella scuola elementare Solvay?
Episodio grave, speriamo che l’amministrazione comunale provveda al più presto, e se davvero non hanno soldi facciano una colletta, qualunque cosa è meglio del lasciare un vetro pericolante in una scuola elementare!
Oppure prendano un anticipo dai soldi che ricaveranno dagli aumenti delle tasse, a prelevarli dalle tasche dei cittadini si è provveduto subito però…
Populismo? Demagogia?
No, fatti! (Purtroppo)….

“Parlando con alcuni genitori apprendo la notizia che sono nuovamente entrati i ladri in alcuni edifici scolastici di Rosignano Solvay e oggi su Il Tirreno leggo : “L’ultimo furto risale alla notte tra mercoledì 17 e giovedì 18 settembre, quando qualcuno è riuscito ad entrare all’interno delle medie Fattori e dopo aver scassinato una delle macchinette elettroniche per le bevande, ha portato via alcune manciate di spiccioli. Rubati anche un videoregistratore e un monitor, che sembra sarebbe servito alla scuola per installare al più presto la videosorveglianza.
Episodi analoghi, nelle notti precedenti, si sono consumati in tre edifici scolastici assai vicini alle medie Fattori, ossia la scuola materna ospitata all’interno del centro Rodari e le elementari Solvay. Per i rilievi necessari è stato contattato il commissariato di Rosignano, e in piazza del Risorgimento è arrivata una volante, oltre che la polizia scientifica e la polizia giudiziaria, che indaga sul caso. Dei due casi precedenti, alla materna Rodari e alle Solvay, si occupano invece i carabinieri. Intanto le forze dell’ordine si sono coordinate per incrementare i controlli notturni attorno alle scuole, con l’intento di bloccare il fenomeno e individuare i responsabili dei furti, che sembrerebbero legati alla mano di gruppi di adolescenti.”

Vi scrivo qualcosa che il giornale in questione non ha riportato, per me molto importante che tutti devono sapere, e che voglio denunciare.

Nella notte di mercoledì 17 Settembre, i ladri sono entrati nella Scuola Elementare Ernesto Solvay e hanno rotto una porta a vetri che da sul cortile. Ad oggi questa porta è sempre rotta, il vetro è scheggiato e potrebbe frantumarsi da un momento all’altro e nessun intervento di sicurezza per i bambini che ogni giorno frequentano la scuola è stato fatto, almeno così sembra. Parlo da genitore e quindi diretto interessato, mi domando quali siano le motivazioni.. Mi domando se l’amministrazione comunale ha ben chiaro quali sono le priorità dei cittadini. Sono sicura che segnalando la questione al Comune risponderanno che non ci sono i soldi per poter sostituire il vetro.
Mi domando se non sia colpa di noi genitori, che provvediamo a risolvere di tasca nostra i problemi delle nostre scuole, raccogliamo soldi per il fondo cassa , organizziamo la Festa della Torta, i mercatini di Natale, tinteggiamo le aule e adesso che cosa ci inventiamo?
Sono passati due giorni e sono sicura che ne passeranno altri…Forse provvederanno alla messa in sicurezza con una transenna e del nastro adesivo come hanno fatto per la pista ciclabile?
Un suggerimento lo vorrei dare: mettiamo davanti alla porta uno zerbino per i ladri….con scritto BENVENUTI!”

raid_scuole

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abbiamo a cuore la tua Privacy. Questo sito o gli strumenti terzi da questo sito utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ho preso visione dell'Informativa estesa (Cookie Policy) e della Privacy Policy, continuando a navigare acconsento all'uso dei cookie. Maggiori informazioni (Privacy Policy ai sensi del GDPR – Regolamento UE 2016/679)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi