lunedì , 8 Agosto 2022

Tagli Pineta Marradi, il PD Rosignano ci risponde (si fa per dire) sul Tirreno….

In merito alla risposta del Pd Rosignano pubblicata sul “Il Tirreno”, che definisce le nostre osservazioni sui tagli dei pini della Pineta Marradi come “polemiche propagandistiche” premette Serretti Francesco “è opportuno ricordare che chiedere dettagli sulle ripiantumazioni seguenti al taglio di più di 300 piante è non solo doveroso ma necessario, nell’esclusivo interesse del patrimonio pubblico rappresentato dalla Pineta stessa e per rispetto dei cittadini che chiedono insistentemente che tale patrimonio sia salvaguardato. Lo studio dell’Università di Pisa, lo ribadiamo, evidenzia chiaramente che debbano essere messe in atto non solo le ripiantumazioni ma anche interventi fitoterapici e sul terreno, di tutto questo non vi è traccia nelle dichiarazioni pubbliche rilasciate sui giornali, accontentarsi di mere rassicurazioni, senza avere i dettagli precisi sugli impegni messi in atto, è francamente dimostrazione di superficialità e noi al contrario vogliamo risposte chiare e precise, che ad oggi non sono mai arrivate”.

Prosegue Elisa Becherini: “Se le ripiantumazioni e gli interventi di manutenzione sulle piante e sul terreno saranno fatte già fin dai prossimi mesi come dichiara l’amministrazione comunale, dovrebbe esistere un piano già pronto con conseguente impegno di spesa da mostrare ai cittadini, in caso contrario sapremo esattamente chi è che fa propaganda. Il nostro ruolo di consiglieri comunali è anche accertarci che alle parole dell’amministrazione seguano i fatti, e informarne correttamente i cittadini, come nel caso del controllo elettronico degli stalli dei disabili, un progetto lanciato in pompa magna con conferenza stampa dal sindaco, che doveva partire nel mese di luglio scorso ma non ancora attivo. Siamo gli unici che da mesi chiediamo chiarezza anche su questo, ma le risposte latitano. Le parole non sono sufficienti a tutelare un patrimonio importantissimo e unico come la Pineta Marradi. Ci chiediamo inoltre se non fosse stato il caso, vista l’entità degli abbattimenti, di interpellare anche altri esperti agronomi per avere un quadro più’ completo della situazione della Pineta”

“Nella risposta del Pd si afferma che l’intervento dell’amministrazione sarebbe da “valorizzare” perché per la prima volta viene programmato ed attuato dopo varie sollecitazioni dagli organismi di partecipazione della frazione” conclude Mario Settino “ma dire questo significa ammettere chiaramente che fino ad ora non è stato fatto niente o quasi in questo senso, esattamente quello che noi abbiamo evidenziato e che tutti i cittadini possono constatare, dato che è scritto nero su bianco anche nello studio dell’Università di Pisa che evidenzia frequentemente, tra le cause indicate delle malattie di tutte le piante, pini o lecci che siano, la scarsa e scorretta manutenzione delle piante e non solo la vecchiaia o i danni dovuti ad agenti atmosferici, come invece viene ripetutamente ed esclusivamente detto dall’amministrazione.  I cittadini devono sapere che lo studio riferisce anche che le giovani piante ripiantumate negli anni scorsi sono già ammalate a causa, ancora una volta, della scarsa manutenzione, ecco perché le nostre domande sono più che legittime”.

L’articolo pubblicato dal PD Rosignano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abbiamo a cuore la tua Privacy. Questo sito o gli strumenti terzi da questo sito utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ho preso visione dell'Informativa estesa (Cookie Policy) e della Privacy Policy, continuando a navigare acconsento all'uso dei cookie. Maggiori informazioni (Privacy Policy ai sensi del GDPR – Regolamento UE 2016/679)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi