domenica , 9 Agosto 2020

LETTERA AL SINDACO DI ROSIGNANO MARITTIMO: BANCO ALIMENTARE COMUNALE, IBAN SOLIDALE E SPESA SOSPESA PER SOSTENERE I CITTADINI IN DIFFICOLTÀ

In questi giorni è in atto l’impegno di tutti a rispettare le disposizioni per limitare il contagio del virus, disposizioni che hanno avuto effetti su tutte le attività. “Anche la politica è fortemente limitata, dal momento che vive dell’incontro e del confronto con la cittadinanza e con le altre forze politiche, attività temporaneamente non più praticabili, ma la nostra idea di politica di impegno là dove i problemi e le necessità sono maggiori, la volontà di fare sempre il bene di una comunità, del nostro Comune non si ferma.

Ci siamo interrogati su come poter essere utili localmente anche in questa fase in cui i timori, le paure di non riuscire a superare al meglio gli effetti del fermo di molte attività lavorative sono molto alti. Oltre agli interventi di sostentamento dell’economia nazionale ed a sostegno delle famiglie avviati dal Governo, è urgente ed anche possibile un intervento diretto a livello Comunale, per rimuovere l’incidenza economica ed il disagio derivante da reddito insufficiente e da altre condizioni di fragilità che sono state accentuate dalle restrizioni dell’emergenza sanitaria.

Abbiamo inviato al Sindaco Donati di Rosignano Marittimo una proposta di attivazione di alcuni strumenti che pensiamo utili, ma sopratutto spendibili rapidamente, come l’istituzione di un BANCO ALIMENTARE comunale, l’attivazione di un IBAN SOLIDALE ed anche l’impegno a favorire la diffusione di iniziative benefiche come la SPESA SOSPESA

Le nostre proposte vanno nella direzione di suggerire delle azioni al Sindaco, con spirito collaborativo, nella speranza che siano accolte, ci preme fare in modo che si attivi un sostegno quanto più capillare ed efficiente alla cittadinanza più in difficoltà in questa fase di distacco sociale dovuto all’epidemia.

Pensiamo sia molto utile avviare un “banco alimentare comunale” per la distribuzione di pacchi di viveri, l’Amministrazione comunale collabora con l’associazione onlus “La sorgente del villaggio” che già svolge da molti anni tale attività, che potrebbe essere ampliata, per il periodo di isolamento collettivo, ad un numero maggiore di cittadini in difficoltà lavorativa, oppure con insufficienza del reddito familiare in rapporto alle esigenze minime vitali di tutti i membri del nucleo, ai titolari di partita I.V.A. o lavoratori autonomi con I.S.E.E. bassi, ai disoccupati, ecc.. L’anticipo di 4,3 miliardi del fondo di solidarietà ai Comuni annunciato ieri 28 Marzo dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte permetterebbe la copertura dell’iniziativa, che potrebbe essere garantita anche dall’istituzione di un apposito fondo comunale, alimentato anche attraverso donazioni ricevute su apposito conto corrente solidale da attivarsi.

Infine, il senso di comunità non potrebbe che rafforzarsi con iniziative benefiche come la “Spesa sospesa”, un’offerta alla cassa di un supermercato lasciata pensando alla spesa per i cittadini bisognosi, chiediamo che il Sindaco avvii un coordinamento con le associazioni di volontariato e i negozi e supermercati del nostro Comune per consentirne la diffusione.

Il testo della lettera che abbiamo inviato al Sindaco oggi Lunedì 30 Aprile 2020

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abbiamo a cuore la tua Privacy. Questo sito o gli strumenti terzi da questo sito utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ho preso visione dell'Informativa estesa (Cookie Policy) e della Privacy Policy, continuando a navigare acconsento all'uso dei cookie. Maggiori informazioni (Privacy Policy ai sensi del GDPR – Regolamento UE 2016/679)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi