mercoledì , 21 Agosto 2019

Francesco Serretti, M5S Rosignano: dedica alla Memoria partigiana ed alla Libertà..

Il nostro consigliere comunale Francesco Serretti, dedica un discorso alla memoria partigiana ed alla Libertà.

FRANCESCO SERRETTI (Consigliere Comunale Portavoce del M5S) – Discorso dedicato alla memoria partigiana ed alla libertà.

Mi interrogo spesso sull’eredità che ci hanno lasciato i partigiani e tutti gli italiani che insieme a loro  hanno desiderato e creduto  nella libertà di questo paese. Chissà che eredità lasceremo noi ai nostri nipoti. Grazie ai nostri nonni e alle nostre nonne abbiamo avuto la possibilità di diventare una repubblica democratica e di esprimere  il nostro voto, che nel ‘46 per la prima volta ha abbracciato donne  e ceti più bassi. Da quella data siamo tutti diventati  cittadini e non più sudditi. la democrazia è iniziata così: “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro, la sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della costituzione.” Grazie a chi ha lottato abbiamo  una costituzione  nata per  garantire uguali opportunità a tutti, uguali sogni a tutti, indipendentemente dal loro credo politico, religioso o dalla loro razza; e soprattutto una costituzione che scongiurasse il pericolo di nuove dittature e di nuovi fascismi. Noi siamo convinti che sia nostro dovere difendere con tutta la forza possibile la nostra costituzione, perché il fascismo non è ancora sconfitto : ha cambiato faccia, ha cambiato nome, non usa più i manganelli, ma serpeggia ancora dietro la disonestà  politica, il disinteresse verso la sovranità del popolo, gli accordi nelle segrete stanze. Come diceva Leonardo Sciascia “Il fascismo non è morto. E per questo, sento una gran voglia di combattere, di impegnarmi di più, di essere sempre più deciso e intransigente e mantenere un atteggiamento sempre polemico nei confronti di qualsiasi potere.” Oggi, ricordando le nostre origini partigiane e di combattenti liberi, facciamo nostri i principi lasciati in eredità dai nostri nonni e dalle nostre nonne,  usiamoli come fossero uno scudo di etica e di moralità, per difendere tutti insieme la costituzione da chi vuol modificarla per interessi privati, difendere tutti insieme il nostro diritto di scegliere chi vogliamo al governo e lottare contro tutti coloro che tengono noi  cittadini fuori dalle scelte che riguardano il nostro futuro: “…la sovranità è del popolo…”. Cito le  parole profetiche di  Pier Paolo Pasolini  dalla sua definizione di fascismo moderno: “il Fascismo è qualcosa che ha a che vedere con i  ripostigli più segreti dell’anima. L’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo,  conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo. Essere laici, liberali, non significa nulla, quando manca la forza morale (…). Non occorre essere forti per affrontare il fascismo nelle sue forme pazzesche e ridicole: occorre però  essere fortissimi per affrontare il fascismo come normalità di una società brutalmente egoista (…). Il fascismo adesso è cedimento morale, complicità con la manipolazione delle idee e dell’informazione”. Il cedimento morale di cui parla Pasolini è sotto i nostri occhi:  in tutte le partecipate comunali colluse con la camorra,  nella deturpazione della bellezza e delle risorse d’un territorio, nell’inquinamento della salute pubblica su interesse di una multinazionale, in tutte quelle amministrazioni pubbliche che sfruttando una delega prendono decisioni senza consultare i cittadini e spesso andando contro i loro bisogni, in quei politici che  favoriscono parenti e amici anteponendoli alla collettività, nella svalutazione dell’istruzione e della cultura per i nostri figli. Non possiamo rimanere indifferenti o disinteressati, proprio nel rispetto della nostra storia partigiana e per onorare chi ha dato la vita per darci quei diritti che ora, troppo spesso, vengono calpestati. Sono passati 70 anni dalla liberazione di Rosignano e ricordare è un bisogno, affinché non ci sia consentito di abbandonarci all’indifferenza, alla perdita di entusiasmo, alla freddezza o al disinteresse verso noi stessi e verso la nostra comunità. Dobbiamo riprenderci gli spazi pubblici, dobbiamo ritornare tutti a partecipare alla vita politica, impegnarci di più per la collettività, perché se  tutti facessimo la nostra piccola parte nella società, vivremmo in una società più giusta per tutti e più onesta. Questo ci hanno insegnato i partigiani, e questo è il tesoro che ci hanno lasciato in eredità. Speriamo di poter lasciare anche noi ai nostri nipoti un futuro di cui essere altrettanto orgogliosi.

via Movimento 5 Stelle Rosignano’s Facebook Wall

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abbiamo a cuore la tua Privacy. Questo sito o gli strumenti terzi da questo sito utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ho preso visione dell'Informativa estesa (Cookie Policy) e della Privacy Policy, continuando a navigare acconsento all'uso dei cookie. Maggiori informazioni (Privacy Policy ai sensi del GDPR – Regolamento UE 2016/679)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi